I Boschi del Parco naturale della Maremma

I Monti dell’Uccellina, che si estendono da nord a sud, sono ricoperti da un denso e fitto manto di alberi e arbusti, una vegetazione forestale piuttosto eterogenea. Il Leccio è la specie arborea dominante; essendo poco esigente rispetto alla natura del substrato e del suolo, vegeta un po’ ovunque sulle colline del Parco.

In aree più fresche e riparate dai venti si conservano frammenti di “foresta mediterranea” in cui ad alti alberi di Leccio si associano specie arboree come il Carpino nero, la Roverella, il Cerro, l’Olmo, l’Orniello, l’Acero Trilobo, l’Acero Campestre e il Sorbo. Sui versanti occidentali, più caldi, al Leccio si associano molte specie arbustive di tipo mediterraneo come la Fillirea, il Corbezzolo, l’Alaterno, il Viburno, la Quercia da Sughero.

L’attuale fisionomia della vegetazione forestale è stata fortemente condizionata da secoli di attività e interventi umani. Ancora evidenti sono gli effetti prodotti dai tagli indiscriminati, dal disboscamento, delle zone utilizzate per l’agricoltura, dagli incendi e dal pascolo che hanno provocato nel tempo la degradazione, per estese aree su gran parte dei Monti dell’Uccellina, da bosco a “macchia”.

I boschi sono luoghi ricchi di vita animale: è facile incontrare i Cinghiali, Caprioli, Daini, Volpi, Istrici, Tassi, mammiferi di piccola taglia come il Topo Ragno, il Moscardino, vari topolini, i Ricci, le Faine, il Gatto Selvatico e varie specie di invertebrati come insetti e molluschi, Lucertole, Ramarri e anfibi come il Rospo, la Raganella e la Rana Agile, rettili come la Testuggine Comune, la Vipera, il Cervone e il Colubro di Esculapio.

Tra gli uccelli il numero di specie è altissimo: molti passeriformi e rapaci popolano sia il bosco che l’ambiente di macchia mediterranea. Tordi, Merli, Fringuelli, Storni, Colombacci, Pettirossi, Cincie, Upupe, Usignoli, Cuculi, Picchi, Merli, Capinere, Ghiandaie. Numerosi i rapaci diurni e notturni come il Biancone, il Lodolaio, il Pellegrino, lo Sparviero, la Poiana, il Gheppio, il Lanario, le Albanelle, Civette, Assioli, Barbagianni, Allocchi e Gufi Comuni.

(Tratto da “Parco della Maremma”, app ufficiale del Parco Regionale della Maremma)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *