Cosa visitare vicino a Principina a Mare

Il viaggio comincia da Massa Marittima. Una passeggiata nel centro storico vi condurrà alla cattedrale di San Cerbone (costruita tra l’XI e il XIII sec.), al Museo Archeologico e al palazzo dell’Abbondanza con il famoso affresco della Fonte dell’Abbondanza. L’area intorno è una zona di grande interesse dove visitare il lago dell’Accesa, il parco naturalistico delle Biancane e quello dei Montioni con splendidi sentieri da percorrere a cavallo o in bici. Puntando verso il mare, le destinazioni più vicine da non perdere sono Castiglione della Pescaia e la rinomata Punta Ala. La più frequentata è la spiaggia di Ponente (da Castiglione verso Punta Ala). Altrettanto belle sono la spiaggia di Levante e la Spiaggia delle Rocchette (in sabbia con fondali rocciosi adatti per lo snorkeling).

Tra cultura, natura e mare, ecco le 10 tappe da non perdere vicino a Principina a Mare:

  1. Il parco archeologico di Roselle dove ammirare gli insediamenti di età etrusca e romana.
  2. Il borgo di Pitigliano, arroccato sulla montagna tra rocce di tufo, sembra un paese magico.
  3. Le Suggestive Grotte abitate tra il XVIII e il XII sec. A.C. nei pressi di Sorano (fanno parte del Parco archeologico delle Città del tufo).
  4. Il Parco Naturale della Maremma è ricco di spiagge da sogno, come quelle di Alberese.
  5. Monte Amiata: Il cuore del vulcano spento è ancora caldo. Qui la natura è autentica, e va scoperta a piedi. Dopo una mattina di trekking, regalatevi una pausa ai bagni termali di San Filippo.
  6. Una cena con vista mozzafiato sul mare di Punta Ala o di Porto Ercole.
  7. La Laguna di Orbetello e le spiagge dorate di Feniglia e della Giannella.
  8. Il Golfo di Follonica con le spiagge di Castiglione della Pescaia e Punta Ala.
  9. La spiaggia sotto la rocca di Talamone.
  10. Le Terme Di Saturnia, per rigenerare corpo e spirito in uno scenario da sogno.

Nei pressi di Castiglione, il Resort Tenuta Badiola vi accoglierà in una delle destinazioni più affascinanti della regione. Casa Badiola è l’ideale per gli amanti dello sport. L’Andana (all’interno dello stesso resort) è la meta giusta per chi non vuole rinunciare al fascino delle antiche dimore storiche.

Per un soggiorno a un passo dal mare, c’è lo storico 5 stelle Gallia Palace Hotel (Punta Ala). Qui la vacanza sarà di relax e bellezza, immersi nella natura maremmana. oppure, potrete optare per il prestigioso Baglioni Hotel Cala del Porto, con panorami mozzafiato, spiaggia privata e un’accoglienza esclusiva. il ristorante La Vela propone un’esperienza gourmet fuori dal comune e a pochi passi dall’acqua.

Nell’entroterra, una tappa immancabile per il benessere sono le splendide Terme di Saturnia. all’interno del resort, il ristorante stellato All’Acquacotta propone una cucina tipica maremmana ricca di qualità e anche di contaminazioni. Procedendo verso sud, Grosseto è una tappa piacevole. la sua storia rispecchia quella della zona: a causa della sua conformazione paludosa, si è sviluppata solo dopo le bonifiche. la città è cinta dalla Fortezza Medicea sulla quale sarà bello passeggiare, e che custodisce ciò che resta del Cassero Senese (del 1345).

Da ammirare anche il Duomo gotico, la statua di Leopoldo II (sempre in piazza dante) mentre salva la Maremma afflitta dalla malaria, la trecentesca chiesa di S. Francesco, la cui croce dipinta è attribuita a Duccio da Boninsegna, e il Museo di Storia Naturale della Maremma (Strada Corsini).

A 8 km, su un’altura che domina il mare, c’è il Parco Archeologico di Roselle. Qui, sorgeva un centro abitato in epoca etrusca e romana. scendendo a valle, troverete il borgo di Montepescali: nato come fortezza degli Aldobrandeschi nel 1300, è un punto panoramico mozzafiato. da non perdere la suggestiva chiesa dei SS. Lorenzo e Stefano, con le sue mura scure e un affresco della scuola di Bartolo di Fredi.

Seguendo la litoranea, potrete raggiungere alcune delle località più rinomate come Orbetello dove resterete affascinati dallo spettacolo della sua laguna. la città è unita al monte Argentario da una strada costruita sulla diga. I tomboli (cioè le strisce di sabbia che la delimitano) di Feniglia e della Giannella sono mete apprezzatissime in estate. da qui si raggiunge monte Argentario, con la sua natura rigogliosa e le innumerevoli calette rocciose.

A una manciata di chilometri di distanza, potrete raggiungere le località marinare di Porto Ercole e Porto Santo Stefano. Alcune delle spiagge più riservate sono accessibili via mare, ma anche via terra le destinazioni sono sorprendenti: Spiaggia Lunga è sabbiosa e ci si arriva attraverso un sentiero di 200 metri nella pineta; i Bagni di Domiziano è una piccola insenatura di sabbia dalle parti di Porto Santo Stefano; la Cacciarella è una piccola baia di sabbia tra due scogliere (si raggiunge dopo 500 m di sentiero, in zona Porto Santo Stefano).

Se volete alloggiare qui, non avrete che l’imbarazzo della scelta. l’Argentario Sport Resort è una destinazione di lusso per chi ama lo sport. l’hotel Il Pellicano è un rifugio chic con camere e ville esclusive a un passo dal mare. i suoi ristoranti stellati, il Pellicano e il Pelligrill, propongono una cucina fatta di ingredienti biologici, cocktail unici e una vista incantevole sull’arcipelago toscano.

Il fascino di questi luoghi non è rappresentato solo dalle zone costiere. Nell’entroterra, incontrerete il borgo medievale di Montemerano. Qui la sosta obbligata per i buongustai è il ristorante Da Caino dove la cucina toscana viene esaltata in un’atmosfera intima con soli 18 coperti. la cantina del ristorante è rinomata tanto quanto il prelibato menu. se volete, potrete anche fermarvi a dormire nella locanda dell’800 al piano superiore: mobili d’epoca e colazione eccellente. Più a sud, meritano una visita i borghi di Pitigliano e Sorano.

Località da cartolina, arroccate sui monti come piccoli presepi a Manciano, il ristorante La Filanda vi farà scoprire un menu tradizionale in uno scenario di grande fascino e autenticità. ancora più a sud, è Capalbio a stupire per la sua bellezza storica e paesaggistica. Il suo litorale di 12 km di sabbia è una tappa obbligata per chi vuole praticare sport (surf, kitesurf o vela) e per chi cerca un po’ di relax.

(Tratto dal n.17 di Diari di viaggio Toscana)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *